Scarpe running Hoka Arahi 3

In: Le scarpe da corsa Data:

Maechio Hoka One One, Modello Arahi 3

Sono un runner amatoriale che si allena ogni due o tre giorni per un totale di una quarantina di chilometri circa a settimana.

In questo momento essendo io un pò in sovrappeso ed avendo necessità di una calzatura tecnica per il running, che sia molto ammortizzata per la corsa su asfalto, ma che possa essere utilizzata anche su terreni misti, ho scelto Hoka e, più specificatamente il modello Arahi.

Dopo un attenta analisi posturale fatta a livello statico, tramite il podoscopio e dinamica, grazie all'utilizzo dei sensori Run Scribe, sono più consapevole sulla dinamica del mio appoggio, in entrambi i piedi e ritengo che una calzatura come le Arahi 3 abbiano le caratteristiche adatte a me...questo a livello teorico....ora non resta che testarle in un allenamento non troppo lungo: per me gli 11 chilometri rappresentano un buon test!!!!

                              

Primo allenamento andato alla grande, tra asfalto e sterrato, con alcune salite e discese tra le campagne del veneziano...zero dolori alle ginocchia ed articolazioni, un buon supporto anche in discesa e nel terreno disconnesso.

Infatti questa calzatura con i suoi 29 millimetri di distacco dal terreno nella zona tallonare, è molto opportuna anche quando per stanchezza o terreno non sempre pianeggiante, tendo personalmente a tallonare. Un ottimo grip anche sullo sterrato, ( considerando comunque il terreno asciutto e la calzatura nuovissima ). VOTO INTERSUOLA da 1 a 10: 7,5.

Per quanto riguarda invece le situazioni di asfalto senza pendenza, il differenziale di Hoka One One, che è studiato per spostare il baricentro leggermente in avanti, gravando meno sulle ginocchia e facendo lavorare gradualmente tendini e polpacci, è stato davvero molto apprezzato ed efficace. VOTO SUOLA E DROP DA 1 a 10: 9,5

Temevo molto, venendo dalla precedente scarpa da Running Altra Paradigm, di essermi troppo abituato ad avere una pianta molto larga soprattutto nella zona dell' avampiede, ma utilizzando sempre i miei fidati calzini a 5 dita Injinji, che migliorano la propecettività ( ovvero la capacità di riconoscere i movimenti del proprio corpo, senza il supporto della vista ) delle dita dei piedi nella corsa, il che favorisce anche il movimento corretto delle parti finali del piede stesso, sono rimasto piacevolmente stupito dall'elasticità della tomaia prodotta in questo modello dal brand Hoka One One!!! VOTO TOMAIA DA 1 A 10: 8

Dopo il consumo delle scarpe, quando non sono più utilizzabili neanche per camminare, non gettatele...stiamo lavorando per dare il nostro contributo per un mondo migliore....recicliamole!!!